TRUCIOLI DI MATITA

Quante sono le pagine del mio cassetto? 
Pagine vergini, ancora bianche 
Candide distese desiderose di un affetto 
Dimmi quante? …tante 
Le pagine bruciate sono così poche 
Voci di emozioni mai vissute 
Specchi di anime vuote 
Gioie non date e non ricevute 
Solo le pagine scritte serbo nella mente 
Echi di giorni felici e immagini a colori 
Consapevole esistenza di chi si pente 
Di aver dato con la gioia anche i dolori 
Le pagine scritte sono di ieri 
Un filo tracciato da un curioso destino 
Sono ricordi caldi, sentimenti veri 
Sono palle di carta in un cestino 
Parole graffiate con la matita 
Sino a far sanguinare il foglio 
Compagna silente fra le mie dita 
Spesso costretta a piegare l’orgoglio 
Lei sempre scura, sempre appuntita 
Tenuta per mano come ho voluto 
Costretta a cedere colore alla vita 
Passata alla lama, come ho potuto… 
Fra quelle carte, lì nel cestino 
C’è la mia storia, c’è la mia vita 
Mi scopro a piangere come una bambina
Sopra la carta…i trucioli di matita. 
Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...