tu scendi dalle stelle

“Tu scendi dalle stelle”

Tu scendi dalle stelle o Re del cielo,

e vieni in una grotta al freddo e al gelo,

e vieni in una grotta al freddo e al gelo.

O Bambino mio divino, io ti vedo qui a tremar.

O Dio beato!

Ah! Quanto ti costò l’avermi amato.

Ah! Quanto ti costò l’avermi amato.

A te che sei del mondo il Creatore,

mancano i panni e il fuoco, o mio Signore. Mancano i panni e il fuoco, o mio Signore. Caro eletto pargoletto, quanta questa povertà più mi innamora,

giacchè ti fece amor povero ancora.

Giacchè ti fece amor povero ancora.

Tu lasci del tuo Padre il divin seno,

per venire a tremar su questo fieno;

per venire a tremar su questo fieno.

Caro eletto del mio petto,

dove amor ti trasportò!

O Gesù mio, perchè tanto patir,

per amor mio… …

Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...